Correva l’anno…

Correva l’anno….. un anno ormai risalente al secolo scorso, addirittura al millennio scorso, quando mi avvicinai al mondo della speleologia. Poco tempo dopo scoprii il fascino del mondo della speleologia glaciale, una ‘disciplina’ ancora un po’ sconosciuta e per pochi. E poco tempo dopo ancora, mi ritrovai ad un grande tavolone con intorno a me qualche amico, e personaggi ‘storici’ … Continua a leggere

Terre Selvaggie

La nebbia volteggia lenta e silenziosa sotto un giallo lampione. Non un alito di vento. Non un suono. Non un rumore,uno scricchiolio,un brusio. Nulla. Nuvole di vapore sospese a metà tra cielo e terra. Un raggio di luce gialla e tutt’attorno oscurità totale.buio silenzioso sconfinato nulla… Avvolto  di mistero, drappi oscuri nel vellutato grigio. Circospetto, guardingo, mi avvio nella foresta. … Continua a leggere

Contatti Necessari

(Il cimitero di Laorca, qui i defunti riposano all’interno di una grotta naturale) Ci sono stati in passato giorni della mia vita, che in qualche modo ho voluto rinchiudere in qualche riga di pagine sgualcite, di ormai dimenticati diari impolverati. Poesie, riflessioni, racconti immaginari e piccole avventure, semplici appunti o ancor più sintetici stralci  di idee, deliranti invenzioni, accenni di … Continua a leggere

Ricordi Oscuri

Purtroppo di tanto in tanto devo dare ragione a pallino. Quando  ancora lo conoscevo ben poco, tanti anni fa chiacchierando, lui esordì con una affermazione, tipo ” uno….non è che Diventa  speleologo, ma ci nasce. Ma non ne è cosciente, finché incontra gente che condivide le stesse idee, seppur strambe che siano. E scopre di far parte di una comunità … Continua a leggere

Concourso Internacional de Fotografia de Flora y Fauna Cavernicola

Vorrei raccontare una storia che non c’entra nulla ma mi serve per introdurre un argomento ostico e bistrattato. La fotografia in grotta. Recentemente ho avuto la possibilità di visitare Mammoth Cave, la grotta piu lunga del mondo. A guidarci, un ranger locale (ma greco di origini), una persona splendida e iconica, ci accompagna negli immensi meandri della grotta al primo … Continua a leggere

Parte III°

Mio padre credo non sia mai stato contrario al mio “andare in grotta”. Anzi sotto sotto penso ne sia sempre stato lievemente affascinato. Abbiamo sempre avuto tante passioni in comune, la montagna sopra tutte, anche perché è stato proprio mio padre a svezzarmi a questo mondo, facendomi muovere fin dai primi passi in ambiente montano. E non poteva tardare troppo … Continua a leggere

Parte II°

  Uno dei ricordi più ‘antichi’ ma vividi della mia infanzia, è di una calda estate in cui io e mio padre siamo sul terrazzino della camera, luogo che raramente ho frequentato in gioventù. Lui aveva i capelli neri, basettoni lunghi, capigliatura tipica del periodo. barba ben fatta, come sempre. Una camicia o una polo color carta da zucchero e … Continua a leggere

Parte I°

Sono solo pensieri buttati giù così, a volte confusi dal tempo e a volte invece finemente intricati tra centinaia di altre situazioni. Il tempo passa e si mangia i ricordi. L’acqua scorre o la nebbia avvolge tutto. Ciò che era vivido si dissolve, e ciò che è attuale si inserisce tra le pagine di questo libro ancora tutto da scrivere. … Continua a leggere

Lettera di Capo Seattle

Una delle letture che da sempre mi ha colpito nel profondo e credo che mi accompagnerà per sempre. A testimonianza della infinita crudeltà e superbia che di pari passo avanzano insieme all’incedere dei ‘tempi moderni’       “Come potete acquistare o vendere il cielo, il calore della terra? L’idea ci sembra strana. Se noi non possediamo la freschezza dell’aria, … Continua a leggere